Archivi tag: ottocento

NOVITA’ – Milano 1861. Nascita di una metropoli

visita guidata da Debora Lo Conte, architetto e guida turistica

NOVITA’

 

C’è una “città concreta” fatta di case, palazzi, chiese, botteghe, strade e piazze e c’è una “città invisibile” fatta di relazioni, sociali, economiche, culturali, che la costruiscono.

Quando la “città invisibile” cambia, anche quella fisica si trasforma.

Nel 1861, all’indomani dell’Unità d’Italia, a Milano un nuovo ceto sociale si fa largo: la borghesia capitalista, con nuovi bisogni e nuove necessità. Così nuovi spazi ospitano nuove funzioni: sorgono gallerie commerciali e nascono i grandi magazzini, mentre banche e assicurazioni occupano interi edifici e disegnano il cuore pulsante della nuova metropoli.

Dalla trasformazione di Piazza Duomo, attraverso la Galleria Vittorio Emanuele, fino a Piazza Scala e al Cordusio per finire lungo via Dante a Foro Bonaparte, dove trova spazio un nuovo modo d’abitare, un percorso di luoghi conosciuti da guardare con occhi nuovi per ritrovare l’origine del nostro Presente.

 

 

NOTE NOVITA’
Per il ciclo di visite MILANO ALL’APERTO
Durata 1 ora e 30 minuti
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita € 12

Clicca qui per procedere con l’iscrizione alla visita!

MILANO BELLE EPOQUE

visita guidata da Debora Lo Conte, architetto e guida turistica

 

Sul finire dell’Ottocento, l’industrializzazione iniziata nel secolo precedente porta a cambiamenti epocali nell’organizzazione sociale. Le città ne sono lo specchio. Nuove funzioni richiedono nuovi edifici e nuovi spazi urbani. Le città si trasformano.

A Milano, la recente unificazione e l’entusiasmo per la ritrovata indipendenza trasformano la città a partire dal suo cuore, dove si realizza la nuova Piazza del Duomo. Al centro campeggia il monumento a Vittorio Emanuele II, padre della patria, a cui è dedicata la più grande galleria coperta d’Europa, sorta per ospitare il nuovo commercio e la passeggiata di un ceto borghese emergente. Conduce a Piazza Scala. Anch’essa realizzata in quegli anni accoglie un’altra istituzione che cresce al crescere del capitalismo: la banca. Altre si stabiliscono nella nuova Piazza Cordusio: la Borsa, le Assicurazioni Generali, la Posta.

Nascono nuove vie, via Dante e Foro Bonaparte, su cui si affacciano palazzi non più nobiliari ma borghesi. Un modo nuovo di abitare si fa spazio nella città mentre cambia il linguaggio dell’architettura, spaziando dalle suggestioni classiche dell’Eclettismo alle fogge floreali del Liberty.

Segni di una città che cambia, percorsa da un nuovo fermento e popolata da una nuova società.

 

 

NOTE Per il ciclo di visite MILANO ALL’APERTO
Durata 1 ora e 30 minuti
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita € 12

Clicca qui per procedere con l’iscrizione alla visita!