Vai al contenuto
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

NOVITA’ – CHIESA e CRIPTA di S. SEPOLCRO

domenica 16 Giugno – alle ore 16.00

€13 + biglietto Cripta
NOVITÁ

chiesa ipogea o cripta di S. Sepolcro

CHIESA e CRIPTA di S. SEPOLCRO CHIESA e CRIPTA di S. SEPOLCRO

La visita alla Chiesa e alla Cripta di S. Sepolcro ripercorre 2000 anni della vicende storiche del centro di Milano.

La chiesa dedicata alla SS. Trinità e l’antico foro romano

La doppia chiesa di S. Sepolcro è parte di un isolato dove oggi sorge la Biblioteca e Pinacoteca Ambrosiana, considerato il centro delle città Mediolanum capitale dell’impero romano nel IV sec. d.C.

Sull’area dell’antico foro romano, a partire dal 1030 viene costruita una chiesa dedicata alla Santissima Trinità, a forma di croce, con 3 grandi absidi e 2 torri gemelle in facciata e una chiesa sotterranea.

Per la pavimentazione della parte inferiore o Cripta vengono usate grandi lastre levigate dell’antico foro romano, che furono trovate in loco e su cui possiamo camminare ancora oggi.

La chiesa dedicata al Santo Sepolcro e Leonardo da Vinci

Nel 1100 l’arcivescovo di Milano Anselmo da Bovisio decide di dedicare questa chiesa medievale alla conquista di Gerusalemme, in occasione dell’anniversario della prima crociata del 1099, e ne cambia denominazione, consacrando l’altare delle chiesa inferiore o ipogea al Santo Sepolcro. In questa era già posto un simulacro della tomba di Cristo a imitazione di quello venerato in Terrasanta dai pellegrini.

Anche Leonardo da Vinci si occupa di questa chiesa, lasciandoci il disegno della pianta sia della chiesa superiore che della chiesa inferiore (oggi a Parigi). Nella sua mappa della città di Milano, oggi all’interno del Codice Atlantico conservato nella Biblioteca Ambrosiana. Su questa traccia un quadratino in corrispondenza della chiesa del S. Sepolcro, indicando quel punto come “vero mezzo” di Milano.

Luogo di devozione per S. Carlo e Sacro Monte urbano

La cripta di S. Sepolcro fu luogo non solo di preghiera e devozione per Cristo, ma anche per Maria Maddalena, S. Giovanni e S. Elena: dalle recenti campagne di restauri è riapparso un affresco del 1300 circa molto rovinato con queste figure.

Per S. Carlo Borromeo, che la definisce “ombelico della città” diventa poi luogo importante di devozione. Viene infatti collocata la sua statua in preghiera e adorazione davanti al simulacro del sepolcro di Cristo.

Infine nella chiesa superiore S. Carlo aveva progettato, ma solo in parte realizzato, una sorta di Sacro Monte (in analogia ad altri che si stavano costruendo in area alpina) con episodi della Passione di Cristo con statue a grandezza naturale: dall’Ultima Cena nell’abside sinistro, la Flagellazione ed altri episodi a destre fino alla Resurrezione sopra l’altare maggiore.

NOTEDATA PROVVISORIA
Durata1 ora e 30 minuti
Costo visita€ 13 + offerta chiesa
Costi aggiuntivibiglietto intero € 8, biglietto under18 e over65 € 6
Numero di ragazzi sotto i 18 anni