Archivi tag: Musei e collezioni

Passeggiata a MONZA con DUOMO, Cappella di Teodolinda e CORONA FERREA

itinerario guidato da Debora Lo Conte, architetto e guida turistica

 

A breve la descrizione…

 

NOTE Pagamento anticipato del biglietto di € 8 entro il 4 giugno
Durata 2 ore
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita guidata € 12 + biglietto € 8; ridotto under 18 e over 65 € 6

 

Chiesa di S. MARIA DELLE GRAZIE e CENACOLO

visita guidata da Marta Candiani, architetto e guida turistica

La visita guidata al complesso, partendo dalle vicende storiche iniziali della chiesa (devozione alla Madonna delle Grazie, e tentativo di trasformazione dell’edificio in mausoleo privato di Ludovico il Moro e della famiglia ducale), consentirà di cogliere il passaggio dalle forme tardogotiche solariane al pieno rinascimento lombardo, opera del Bramante. Si percorrerà l’organismo architettonico sia all’esterno che all’interno, con le cappelle laterali (di patronato di famiglie nobiliari) che presentano pregevoli dipinti e sculture, fino ad ammirare la tribuna bramantesca, anche dalla quiete del chiostrino quattrocentesco.

Completerà la visita il Cenacolo, un capolavoro assoluto dell’arte, da guardare anche con occhi diversi: il contesto storico e conventuale in cui è stato realizzato, e un po’ di conoscenza del suo autore Leonardo e della sua epoca, ci aiuteranno a comprendere meglio il significato teologico e religioso in generale di tale rappresentazione iconografica.

 

NOTE PRENOTAZIONI CON PAGAMENTO ANTICIPATO DI € 24, comprensivo di biglietto intero del Cenacolo, sono disponibili 4 biglietti interi e 2 under 18
Durata 2 ore
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita (comprensivo del biglietto del Cenacolo) € 24 (intero), € 15 (ridotto studenti 18-25 anni), € 14 (ridotto insegnanti), € 10 (ridotto under 18), € 7 (ridotto under10) – verificare disponibilità posti e riduzioni
Altri costi  

CIMITERO MONUMENTALE 1: un museo a cielo aperto

visita guidata da Marika Moretti, storica dell’arte guida turistica

Vista Ossario

La visita consentirà di ammirare e conoscere uno dei patrimoni più rappresentativi della scultura funeraria, ove arte e religione creano un connubio unico e irripetibile. Il percorso inizierà dal cortile principale; si analizzerà la storia e le vicende costruttive del monumento indissolubilmente legato alla nostra città. Si proseguirà per il Famedio, pantheon di scrittori e intellettuali quali Manzoni e Cattaneo, e si raggiungerà la parte posteriore in cui potremo scoprire, tramite una piacevole passeggiata, gli esempi più pregevoli di arte funeraria in tutte le sue declinazioni dalla scuola di Brera al liberty, dal Novecento ai maturi anni ’30. Non mancano sepolture di personaggi insigni, quali Hayez, Toscanini, Medardo Rosso e Quasimodo. Un museo a cielo aperto che offre una vasta panoramica su un’epoca d’oro mai dimenticata e che ancora molti milanesi non conoscono.

NOTE
Durata 2 ore
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscrittio
Costo € 12

Chiesa di S. MARIA DELLE GRAZIE e CENACOLO

visita guidata da Marta Candiani, architetto e guida turistica

La visita guidata al complesso, partendo dalle vicende storiche iniziali della chiesa (devozione alla Madonna delle Grazie, e tentativo di trasformazione dell’edificio in mausoleo privato di Ludovico il Moro e della famiglia ducale), consentirà di cogliere il passaggio dalle forme tardogotiche solariane al pieno rinascimento lombardo, opera del Bramante. Si percorrerà l’organismo architettonico sia all’esterno che all’interno, con le cappelle laterali (di patronato di famiglie nobiliari) che presentano pregevoli dipinti e sculture, fino ad ammirare la tribuna bramantesca, anche dalla quiete del chiostrino quattrocentesco.

Completerà la visita il Cenacolo, un capolavoro assoluto dell’arte, da guardare anche con occhi diversi: il contesto storico e conventuale in cui è stato realizzato, e un po’ di conoscenza del suo autore Leonardo e della sua epoca, ci aiuteranno a comprendere meglio il significato teologico e religioso in generale di tale rappresentazione iconografica.

 

NOTE PRENOTAZIONI CON PAGAMENTO ANTICIPATO DI € 25 con il biglietto intero del Cenacolo – POSTI ESAURITI
Durata 2 ore
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita (comprensivo del biglietto del Cenacolo) € 25 
Altri costi  

La STAZIONE CENTRALE e dintorni

Itinerario guidato da Monica Torri, architetto e guida turistica

Stazione centrale cavallo alato

Così grande eppure quasi invisibile: la Stazione più importante di Milano sembra solo un edificio di transito per passeggeri frettolosi. Invece rallentando il passo, vi si può scorgere un mondo di figure, simboli e mosaici che raccontano il sogno di una Milano lanciata verso il futuro ed arrivare fino all’inaspettato Appartamento Reale (da vedere in esterno). All’inaugurazione, nel 1931, il Fascismo ne fece un simbolo della propria ascesa, marchiato da fasci e aquile. In realtà il progetto, iniziato quasi vent’anni prima, celebra ovunque la modernità: con le sue enormi volte vetrate dove comparirono le prime pubblicità; nell’uso della moderna pietra sintetica; con le raffigurazione dei diversi mezzi di trasporto o nelle pittoresche vedute di città opera di Cascella. Un universo di leoni, sfingi, perfino un gigantesco toro, che anima la bianca mole dell’edificio e si conclude con i cavalli alati di facciata, simbolo del Progresso guidato dalla Volontà e dall’Intelligenza.

Oggi la Stazione è parte della città moderna simboleggiata dal Grattacielo Pirelli ma un tempo la zona era aperta campagna, come mostra il piccolo oratorio della Cascina Pozzobonelli, nostalgico scampolo di un passato non troppo lontano.

NOTE
Durata 2 ore
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato – il punto di ritrovo verrà comunicato via mail agli iscritti
Costo visita guidata € 12 + biglietto urbano ATM per accedere ai binari (€ 1,50)

MUSEO DEL TEATRO ALLA SCALA: il tempio della lirica, con il canto di un SOPRANO

visita guidata da Marika Moretti, storica dell’arte e guida turistica, e con il soprano Benedetta Sermoneti 

Teatro alla Scala: interno

A poco tempo dalla Prima del Teatro alla Scala vi proponiamo un interessante percorso per scoprire uno dei teatri più celebri al mondo.

Come ci sarebbe apparso il teatro all’epoca del Piermarini? Quali le ragioni della sua costruzione? Attraverso una visita al museo teatrale ripercorreremo la storia del teatro e del suo pubblico, affacciandoci dai palchi ed osservando il teatro restaurato nelle sue componenti storiche e con la nuova straordinaria macchina scenica progettata dall’ingegner Malgrande, soffermandoci sui nuovi lavori realizzati a teatro e sintetizzati esternamente dall’ellisse e dal cubo della torre scenica progettati dall’architetto Botta.

Osserveremo poi il Museo, nato nel 1913 da un’idea di alcuni illustri cittadini milanesi, con l’intenzione di creare un polo espositivo che rendesse omaggio alla storia della lirica italiana. Nel nuovo allestimento pensato dallo scenografo Pizzi, sono conservati strumenti musicali antichi e preziosi (pianoforti, spinette, flauti), opere d’autore, vi sono sale monotematiche dedicate ai grandi della musica. Con cimeli e ritratti si ricorderanno in particolare gli autori, tra cui Rossini, Bellini, Donizetti, Puccini, ma soprattutto Giuseppe Verdi, e le opere da loro composte per La Scala; gli interpreti, i ballerini, gli scenografi e i direttori d’orchestra più celebri tra ‘800 e ‘900.

Al termine della visita una amica soprano canterà alcuni brani nella piazzetta accanto al teatro.

NOTE  La sala del Teatro è visibile da un palco, solo qualora non siano in corso prove o spettacoli 

Spostamento a data da definirsi per lavori di ristrutturazione del museo

Durata 1 ora 30 minuti
Ritrovo davanti all’ingresso del Museo, in largo Ghiringhelli 1 (p.za Scala), 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 15 (studenti universitari € 10; studenti under 18 € 7,50)
Biglietto ingresso € 9 intero, € 6 ridotto gruppi, over 65 e studenti; gratuito under 12

MANZONI E LA SUA CASA

visita guidata da Marika Moretti, storica dell’arte e guida turistica

Visiteremo la Casa-Museo di Alessandro Manzoni recentemente restaurata in via Morone e  faremo un discorso sulla vita e le opere dello scrittore. Lo scrittore acquistò l’elegante dimora nel 1813 risiedendovi fino alla morte nel 1873. Il palazzo sorge in una zona tranquilla del centro storico e presenta al suo interno un’amplio giardino nel quale è ancora possibile vedere gli alberi piantati dallo scrittore, grande appassionato di botanica. Al piano terreno  potremo ammirare lo studio dove compose I Promessi Sposi, con la biblioteca comprendente migliaia di volumi e lo studiolo riservato all’amico e scrittore Tommaso Grossi. Al piano superiore visiteremo la sala da pranzo, il salotto in cui venivano ricevuti gli ospiti, la camera da letto matrimoniale e la cameretta nella quale spirò l’anziano scrittore. Conservati in teche vedremo preziose edizioni delle sue opere, mentre appesi sulle pareti vedremo vari ritratti dello scrittore e della sua famiglia, in particolare delle due mogli Enrichetta Blondel e Teresa Borri Stampa e degli amati figli.

Nel tempo rimanente, dopo aver osservato l’esterno della casa dello scrittore e l’elegante piazzetta Belgioioso proseguiremo poi verso P.za San Fedele per ammirare la statua di Alessandro Manzoni, la lapide relativa alla sua ultima comunione presente in Chiesa (se possibile) e il Palazzo Marino che diede i natali a Marianna de Leyva, personaggio che ispirò allo scrittore la figura della Monaca di Monza.

NOTE  La sala del Teatro è visibile da un palco, solo qualora non siano in corso prove o spettacoli 
Durata 1 ora 30 minuti
Ritrovo in Piazzetta Belgioioso, angolo via Gerolamo Morone (M3 Montenapoleone), 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10
Biglietto ingresso € 5 intero, € 3 ridotto under 18, over 65 e convenzionati; gratuito under 10

Chiesa di S. MARIA DELLE GRAZIE e CENACOLO

visita guidata da Marta Candiani, architetto e guida turistica

La visita guidata al complesso, partendo dalle vicende storiche iniziali della chiesa (devozione alla Madonna delle Grazie, e tentativo di trasformazione dell’edificio in mausoleo privato di Ludovico il Moro e della famiglia ducale), consentirà di cogliere il passaggio dalle forme tardogotiche solariane al pieno rinascimento lombardo, opera del Bramante. Si percorrerà l’organismo architettonico sia all’esterno che all’interno, con le cappelle laterali (di patronato di famiglie nobiliari) che presentano pregevoli dipinti e sculture, fino ad ammirare la tribuna bramantesca, anche dalla quiete del chiostrino quattrocentesco.

Completerà la visita il Cenacolo, un capolavoro assoluto dell’arte, da guardare anche con occhi diversi: il contesto storico e conventuale in cui è stato realizzato, e un po’ di conoscenza del suo autore Leonardo e della sua epoca, ci aiuteranno a comprendere meglio il significato teologico e religioso in generale di tale rappresentazione iconografica.

 

NOTE PRENOTAZIONI CON PAGAMENTO ANTICIPATO DI € 24 con il biglietto intero del Cenacolo, con possibili riduzioni – 1 POSTO DISPONIBILE
Durata 2 ore
Ritrovo in piazza S. Maria delle Grazie ang. corso Magenta  (M1-M2 Cadorna), 10 minuti prima dell’orario indicato
Costo visita (comprensivo del biglietto del Cenacolo) € 24 (intero), € 15 (ridotto studenti 18-25 anni), € 14 (ridotto insegnanti), € 10 (ridotto under 18), € 7 (ridotto under10) – verificare disponibilità posti e riduzioni
Altri costi  

IL MUSEO DEL NOVECENTO: una passeggiata lungo un secolo d’arte

visita guidata da Marika Moretti, storica dell’arte e guida turistica

Visiteremo il Museo del Novecento, recentemente inaugurato grazie ad una straordinaria ristrutturazione ad opera dell’architetto Italo Rota del Palazzo dell’Arengario risalente al Ventennio fascista. Il museo è stato voluto per esporre circa 400 opere delle ricchissime raccolte civiche milanesi risalenti al secolo scorso. Il percorso prende avvio dal Quarto Stato del pittore Pellizza da Volpedo, celebre per le sue implicazioni sociali e la sua perfetta tecnica divisionista ed arriva fino agli Anni Settanta concludendosi con le installazioni dell’Arte Povera. Il museo si segnala per la presenza di un cospicuo numero di opere futuriste, in particolare i capolavori di Boccioni, pittorici quali la prima versione del Trittico degli Stati d’Animo e Elasticità e scultorei quali Le forme uniche della continuità nello spazio. Seguono le salette monografiche dedicate alle nature morte e paesaggi di Giorgio Morandi, alla pittura metafisica di De Chirico e alle sculture di Arturo Martini, le grandi sale della pittura del gruppo di Novecento, la pittura astratta e la scultura di Fausto Melotti. Nel grande salone panoramico affacciato su Piazza Duomo ammireremo un soffitto e un Concetto Spaziale luminoso di Lucio Fontana e le sue celebri tele bucate e tagliate, proseguendo con la pittura informale e l’arte concettuale fino ad avvinarci al presente con gli ambienti del gruppo T e le sale dedicate alla pittura pop, analitica e all’arte di Luciano Fabro.

NOTE
Durata 2 ore
Ritrovo all’ingresso del museo, Palazzo dell’Arengario, Via Marconi 1 (M1-M3 Duomo), 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 12
Altri costi € 5 biglietto intero, € 3 ridotto – si fa al momento

La casa museo BOSCHI DI STEFANO

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

Boschi ingresso

La casa Boschi di Stefano costituisce un punto nevralgico della città di Milano. Lo è per la ricchezza delle sue raccolte artistiche frutto dell’intelligenza e della passione dei suoi storici proprietari, Antonio e Marieda. Nel loro splendido appartamento essi raccolsero una collezione che rispecchia l’intero percorso dell’arte italiana del XX secolo. Dai capolavori di Novecento alle tele di Fontana, dai collage di Sironi all’arte concettuale di Piero Manzoni. Uno scrigno dorato ancora intatto e perfettamente conservato.

NOTE
Durata 1 ora 30 minuti
Ritrovo all’ingresso del museo in via Jan 15 (M1 Lima), 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10
Biglietto