Archivio tag: Duomo

LA GALLERIA…dall’alto della Galleria

visita guidata da una guida turistica

Si è completato, in tempo per l’Expo, il restauro di uno dei monumenti simbolo di Milano: la Galleria Vittorio Emanuele II, che fu costruita nella seconda metà dell’Ottocento come emblema della Milano proiettata verso il futuro. Primo edificio, insieme alla Scala, a essere illuminato dalla luce elettrica della vicina Centrale di Santa Radegonda, la Galleria è per tutti, turisti e Milanesi, anche un luogo di ritrovo (o di passaggio) imprescindibile, ma quanti ne conoscono veramente la storia? Da quei simboli profusi nei decori dei piani alti, a quel toro letteralmente “consumato” dai turisti; da quei continenti che muti osservano dall’alto dell’Ottagono, a quel “rattin” che magicamente illuminava questo scenografico spazio prima dell’arrivo della luce elettrica.  Ora la Galleria si potrà osservare anche dall’alto, grazie ai due ascensori installati con i restauri che permetteranno di percorrere il camminamento sui tetti vetrati dell’edificio.

 

NOTE La visita è tutta in esterno, in Galleria e nel camminamento sui tetti  in grigliato metallico.
Durata 1 ora 30 min.
Ritrovo in via Silvio Pellico 2, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo visita € 10
Altri costi    € 12 biglietto intero, € 9 biglietto ridotto gruppi (min. 15 persone) – si fa al momento. Oppure e’ possibile ottenere il biglietto ridotto sul sito http://www.highlinegalleria.com/acquista-biglietto-highline

Il RESTAURO DELLE VETRATE del Duomo: visita ai laboratori della Restauratrice

a cura di Laura Morandotti, restauratrice artigiana 

Laura Morandotti si definisce un artigiano, di quelli di un tempo. Eppure ha una figlia quasi trentenne che l’aiuta quotidianamente (oltre a lavorare il vetro facendone splendidi gioielli ed oggetti) nel suo laboratorio insieme ad un’altra assistente. Ha un occhio molto attento, indagatore, che si è raffinato con la lunga esperienza a contatto con le vetrate colorate legate a piombo, trovate in tute le condizioni di conservazione, abbandonate negli scantinati, o ridipinte più volte, aggiustate in qualche modo sia nel vetro che nella legatura a piombo.

Affronta ogni nuovo lavoro con un entusiasmo da ragazzina, smontando pezzo per pezzo la vetrata, facendone il disegno, per poterla ricostruire identica, trova i pezzi che mancano tra gli avanzi di magazzino o li fa nuovi a seconda delle esigenze del cliente e dell’importanza del manufatto…..e cosi in un po di tempo, avendo tantissimo lavoro…. fa ritornare a splendere vetrate con splendidi disegni – il tutto ce lo racconterà con la grande passione che mette nel suo lavoro.

Per queste sue capacità anche tecniche nell’affrontare un lavoro è stata chiamata più di dieci anni fa a fare delle prove di restauro sulle vetrate del Duomo, che come sappiamo, hanno subito in buona parte le distruzioni belliche – ha iniziato da quelle non rimontate ed esposte nel Museo del Duomo, che principalmente sono fatte in 2 modi differenti – i pezzi di vetro sono colorati in pasta, e il piombo li lega, oppure sono fatte da vetri dipinti anche in più strati. Viste controluce al Museo se ne percepisce molto bene la differenza.

Oggi la sua piccola equipe sta continuando il restauro di parti delle vetrate del duomo, alcune tolte perchè più delicate, altre invece in loco…..magari alzando la testa in duomo sui ponteggi le si vedono al lavoro……

http://www.lauramorandotti.com/ita/restauri_vetrate.htm

NOTE
Durata 1 ora 30 min
Ritrovo 10 minuti prima dell’orario indicato
Costo € 15 + offerta libera

La DARSENA e il sistema dei NAVIGLI

itinerario guidato da Marta Candiani, architetto e guida turistica

Naviglio di Milano 1900

L’itinerario su propone di seguire un tratto del percorso delle acque del Naviglio Grande e del Naviglio Pavese rimaste e un tratto delle acque che non ci sono più (Conca di Viarenna e cerchia interna dei navigli), da quando entrano in Milano fino al Duomo, e di ammirare alcuni edifici, manufatti storici e paesaggi, che ci aiutano a comprendere la ‘vita di un tempo’ e le attività legate al ‘sistema dei navigli’.

Si parte da quello che resta dalla Conca di Viarenna, in via Conca del Naviglio, con la ricostruzione del suo funzionamento e del suo collegamento con la Darsena di Porta Ticinese (ex laghetto di S. Eustorgio), che è stata oggetto di riqualificazione per Expo 2015, e i Navigli Grande e Pavese. Poi passeggeremo nel tessuto di case a ringhiera e tra i laboratori degli artigiani, frammiste ad osterie e botteghe, tra cui si trova il vicolo Lavandai e le vecchie Casere. Cercheremo di capire inoltre perché e quando furono aperti i navigli, le loro principali funzioni, tra cui importantissimo il trasporto del marmo di Candoglia per la costruzione del Duomo.

 

NOTE
Durata 1 ora 30 min.
Ritrovo in via Conca del Naviglio, ang. via G. Ferrari, 10 min. prima dell’orario indicato.  
Costo € 10 

LUNGO IL NAVIGLIO GRANDE: dalla Darsena a S.Cristoforo

itinerario guidato da Marta Candiani, architetto e guida turistica

Chiesa San Cristoforo e ponte sul naviglio

  • Perché e quando è stato aperto sistema dei navigli lombardi? Come era e cosa ne è rimasto riconoscibile oggi a Milano?
  • Come avveniva la navigazione sui navigli? Quali attività erano connesse a questi canali?
  • Come è stato costruito il Duomo? Da dove viene il suo bel marmo?
  • Cosa rimane oggi della Milano città d’acqua? E quale è stato valorizzato per Expo 2015?

L’itinerario su propone di seguire un tratto del percorso delle acque del Naviglio Grande rimaste e di quelle che non ci sono più (Conca di Viarenna e cerchia interna dei navigli), da quando entrano in Milano fino al Duomo, e di ammirare alcuni edifici, manufatti storici e paesaggi, che ci aiutano a comprendere la ‘vita di un tempo’ e le attività legate al ‘sistema dei navigli’.

Si parte da quello che resta dalla Conca di Viarenna, in via Conca del Naviglio, con la ricostruzione del suo funzionamento e del suo collegamento con la Darsena di Porta Ticinese (ex laghetto di S. Eustorgio), che è stata oggetto di riqualificazione per Expo 2015, e i Navigli Grande e Pavese. Poi passeggeremo nel tessuto di case a ringhiera e tra i laboratori degli artigiani, frammiste ad osterie e botteghe, tra cui si trova il vicolo Lavandai. Cercheremo di capire come avveniva il trasporto del marmo di Candoglia per la costruzione del Duomo. Arriveremo fino alla chiesetta di S. Cristoforo, gioiello artistico tardo medievale, con l’ausilio del tram.

E’ possibile terminare l’itinerario con un brunch lungo il naviglio.

NOTE  L’itinerario sarà svolto secondo il percorso inverso, quindi da S.Cristoforo alla Darsena
Durata 2 ore 30 min
Ritrovo davanti alla chiesetta di S.Cristoforo, (via S.Crisotforo 3) (tram 2), lungo l’Alzaia Naviglio Grande, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 15 + offerta chiesa

LA GALLERIA…dall’alto della Galleria

visita guidata da Monica Torri, architetto e guida turistica

Si è completato, in tempo per l’Expo, il restauro di uno dei monumenti simbolo di Milano: la Galleria Vittorio Emanuele II, che fu costruita nella seconda metà dell’Ottocento come emblema della Milano proiettata verso il futuro. Primo edificio, insieme alla Scala, a essere illuminato dalla luce elettrica della vicina Centrale di Santa Radegonda, la Galleria è per tutti, turisti e Milanesi, anche un luogo di ritrovo (o di passaggio) imprescindibile, ma quanti ne conoscono veramente la storia? Da quei simboli profusi nei decori dei piani alti, a quel toro letteralmente “consumato” dai turisti; da quei continenti che muti osservano dall’alto dell’Ottagono, a quel “rattin” che magicamente illuminava questo scenografico spazio prima dell’arrivo della luce elettrica.  Ora la Galleria si potrà osservare anche dall’alto, grazie ai due ascensori installati con i restauri che permetteranno di percorrere il camminamento sui tetti vetrati dell’edificio.

indicazioni per aperi-cena

E’ possibile terminare la “visita con un aperi-cena, con antipasti e primo piatto pugliesi” presso “PULIA” in via Silvio Pellico 4, solo con un minimo di adesioni.

NOTE La visita è tutta in esterno, in Galleria e nel camminamento sui tetti  in grigliato metallico. E’ possibile terminare la visita con un aperi-cena da PULIA, in via Silvio Pellico 4 – OPPURE VEN. 29
Durata 1 ora 30 min.
Ritrovo in via Silvio Pellico 2, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo visita € 10
Altri costi    € 12 biglietto intero, € 9 biglietto ridotto gruppi (min. 15 persone) – si fa al momento. Oppure e’ possibile ottenere il biglietto ridotto sul sito http://www.highlinegalleria.com/acquista-biglietto-highline

La DARSENA e il sistema dei NAVIGLI

itinerario guidato da Marta Candiani, architetto e guida turistica

Naviglio di Milano 1900

L’itinerario su propone di seguire un tratto del percorso delle acque del Naviglio Grande e del Naviglio Pavese rimaste e un tratto delle acque che non ci sono più (Conca di Viarenna e cerchia interna dei navigli), da quando entrano in Milano fino al Duomo, e di ammirare alcuni edifici, manufatti storici e paesaggi, che ci aiutano a comprendere la ‘vita di un tempo’ e le attività legate al ‘sistema dei navigli’.

Si parte da quello che resta dalla Conca di Viarenna, in via Conca del Naviglio, con la ricostruzione del suo funzionamento e del suo collegamento con la Darsena di Porta Ticinese (ex laghetto di S. Eustorgio), che è stata oggetto di riqualificazione per Expo 2015, e i Navigli Grande e Pavese. Poi passeggeremo nel tessuto di case a ringhiera e tra i laboratori degli artigiani, frammiste ad osterie e botteghe, tra cui si trova il vicolo Lavandai e le vecchie Casere. Cercheremo di capire inoltre perché e quando furono aperti i navigli, le loro principali funzioni, tra cui importantissimo il trasporto del marmo di Candoglia per la costruzione del Duomo.

Dettagli per l’aperitivo/cena

E’ possibile terminare la visita lungo il naviglio con un aperitivo (bevanda + un tagliere in due, con stuzzichini, salumi e formaggi a € 7) oppure con un aperitivo rinforzato (con tagliere grande misto toscano a € 10 + bevanda).

NOTE E’ possibile finire l’itinerario con un aperitivo lungo il Naviglio Grande
Durata 1 ora 30 min.
Ritrovo in via Conca del Naviglio, ang. via G. Ferrari, 10 min. prima dell’orario indicato.  
Costo € 10 + aperitivo

La DARSENA e il sistema dei NAVIGLI

itinerario guidato da Marta Candiani, architetto e guida turistica

Naviglio di Milano 1900

L’itinerario su propone di seguire un tratto del percorso delle acque del Naviglio Grande e del Naviglio Pavese rimaste e un tratto delle acque che non ci sono più (Conca di Viarenna e cerchia interna dei navigli), da quando entrano in Milano fino al Duomo, e di ammirare alcuni edifici, manufatti storici e paesaggi, che ci aiutano a comprendere la ‘vita di un tempo’ e le attività legate al ‘sistema dei navigli’.

Si parte da quello che resta dalla Conca di Viarenna, in via Conca del Naviglio, con la ricostruzione del suo funzionamento e del suo collegamento con la Darsena di Porta Ticinese (ex laghetto di S. Eustorgio), che è stata oggetto di riqualificazione per Expo 2015, e i Navigli Grande e Pavese. Poi passeggeremo nel tessuto di case a ringhiera e tra i laboratori degli artigiani, frammiste ad osterie e botteghe, tra cui si trova il vicolo Lavandai e le vecchie Casere. Cercheremo di capire inoltre perché e quando furono aperti i navigli, le loro principali funzioni, tra cui importantissimo il trasporto del marmo di Candoglia per la costruzione del Duomo.

Dettagli per l’aperitivo/cena

E’ possibile terminare la visita lungo il naviglio con un aperitivo (bevanda + un tagliere in due, con stuzzichini, salumi e formaggi a € 7) oppure con un aperitivo rinforzato (con tagliere grande misto toscano a € 10 + bevanda).

NOTE E’ possibile finire l’itinerario con un aperitivo lungo il Naviglio Grande
Durata 1 ora 30 min.
Ritrovo in via Conca del Naviglio, ang. via G. Ferrari, 10 min. prima dell’orario indicato.
Costo € 10