Archivio tag: Brera

quartiere storico e alla moda, degli artisti

Pinacoteca di Brera

Case chiuse

CASE CHIUSE A BRERA: storie di artisti, scrittori e donne perdute

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

una-mostra-a-milano-ricorda-l-epoca-delle-case-chiuse_h_partb

Passeggiata nello storico quartiere di Brera dove fino a non molti anni fa si respirava un’aria bohémienne fatta di ritrovi di artisti, vecchie botteghe, osterie e case di tolleranza. Ricorderemo quei luoghi e la loro trasformazione,  raccontando storie di artisti, scrittori, donne perdute, case chiuse e molto altro. Passeggeremo per le vie dell’antica Milano, da Santa Maria del Carmine, Via Madonnina, Via San Carpoforo, Via Fiori Chiari, Via Fiori Scuri, Via Brera.

E’ possibile terminare la visita con un apericena in zona Brera.

NOTE E’ possibile terminare la visita con un aperitivo in zona Brera.
Durata 1 ora 30 min
Ritrovo  in piazza S.Maria del Carimine, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10

PASSEGGIATA A BRERA: da porta Giovia a porta Comasina

itinerario guidato dal prof. Adriano Bernareggi

Due porte urbane cancellate dal tempo e dagli eventi, ma delle quali sussistono tracce nel sottosuolo fisico e psicologico della città. Il castello sforzesco fu intitolato a lungo a porta Giovia; Comasina si chiama ancor oggi un quartiere che si estende ben oltre la porta che aveva questo nome. Partendo dal varco che tra i palazzi moderni occupa il luogo della porta dedicata dai Romani a Giove, ci addentriamo in un dedalo viario di origine medievale, sopravvissuto agli squarci di via Dante e del distretto finanziario.

palla 1848Dopo aver incontrato in palazzo Carmagnola un vero nido di memorie (il condottiero, gli ‘interrogatori’ fascisti, gli esordi del Piccolo teatro), ci immettiamo sulla direttrice di Porta Comasina, sulla cui area romana convivono a breve distanza ricordi dell’opulenza imperiale (il granaio) e delle Cinque Giornate (il comando di Radetzky era da queste parti).

In zona Brera percorriamo viuzze nascoste prima di sbucare tra la “movida” serale. Per via Pontaccio passiamo la Porta Comasina medievale, anch’essa sparita, e concludiamo l’itinerario tra la veneranda antichità di S. Simpliciano e la modernità del nuovo Piccolo Teatro.

NOTE
Durata 1 ora e 30 min
Ritrovo davanti al teatro Dal Verme (M1 Cairoli), 10 min prima dell’orario indicato
Costo visita € 10

CASE CHIUSE A BRERA: storie di artisti, scrittori e donne perdute

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

una-mostra-a-milano-ricorda-l-epoca-delle-case-chiuse_h_partb

Passeggiata nello storico quartiere di Brera dove fino a non molti anni fa si respirava un’aria bohémienne fatta di ritrovi di artisti, vecchie botteghe, osterie e case di tolleranza. Ricorderemo quei luoghi e la loro trasformazione,  raccontando storie di artisti, scrittori, donne perdute, case chiuse e molto altro. Passeggeremo per le vie dell’antica Milano, da Santa Maria del Carmine, Via Madonnina, Via San Carpoforo, Via Fiori Chiari, Via Fiori Scuri, Via Brera.

E’ possibile terminare la visita con un apericena in zona Brera.

 

NOTE E’ possibile terminare la visita con un aperitivo in zona Brera.
Durata 1 ora 30 min
Ritrovo  in piazza S.Maria del Carimine, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10

BRERA: il quartiere più bohémien di Milano

Itinerario guidato da Monica Torri, architetto e guida turistica

Nel Medioevo le viuzze di questa zona di Milano lambita dal Naviglio erano percorse da austeri fraticelli. Un’atmosfera raccolta e quieta che ancora si respira vagando per i cortili e soprattutto nel verde giardino che è l’Orto Botanico di Milano.

Poi fu la volta degli intellettuali, attirati da quel centro di cultura che gli Asburgo vollero nel Palazzo di Brera.

Oggi le viuzze tortuose un po’ retro del quartiere di Brera sono il ritrovo degli artisti e una delle zone dove più forte si respira l’atmosfera bohémienne a Milano, tra le sue vie e i locali storici come il mitico Jamaica.

NOTE
Durata 2 ore
Ritrovo piazzetta di Brera, sotto la statua di Hayez (M2 Moscova o Lanza, tram 1), 10 min. prima del’orario indicato
Costo visita € 12

CASE CHIUSE A BRERA: storie di artisti, scrittori e donne perdute

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

una-mostra-a-milano-ricorda-l-epoca-delle-case-chiuse_h_partb

Passeggiata nello storico quartiere di Brera dove fino a non molti anni fa si respirava un’aria bohémienne fatta di ritrovi di artisti, vecchie botteghe, osterie e case di tolleranza. Ricorderemo quei luoghi e la loro trasformazione,  raccontando storie di artisti, scrittori, donne perdute, case chiuse e molto altro. Passeggeremo per le vie dell’antica Milano, da Santa Maria del Carmine, Via Madonnina, Via San Carpoforo, Via Fiori Chiari, Via Fiori Scuri, Via Brera.

E’ possibile terminare la visita con un aperitivo in zona Brera.

 

NOTE E’ possibile terminare la visita con un aperitivo in zona Brera.
Durata 1 ora 30 min
Ritrovo  in piazza S.Maria del Carimine, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10

 

CASE CHIUSE A BRERA: storie di artisti, scrittori e donne perdute

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

una-mostra-a-milano-ricorda-l-epoca-delle-case-chiuse_h_partb

Passeggiata nello storico quartiere di Brera dove fino a non molti anni fa si respirava un’aria bohémienne fatta di ritrovi di artisti, vecchie botteghe, osterie e case di tolleranza. Ricorderemo quei luoghi e la loro trasformazione,  raccontando storie di artisti, scrittori, donne perdute, case chiuse e molto altro. Passeggeremo per le vie dell’antica Milano, da Santa Maria del Carmine, Via Madonnina, Via San Carpoforo, Via Fiori Chiari, Via Fiori Scuri, Via Brera.

E’ possibile terminare la visita con un gelato.

 

NOTE E’ possibile terminare la visita con un aperitivo in zona Brera.
Durata 1 ora 30 min
Ritrovo in piazza S.Maria del Carimine, 10 min. prima dell’orario indicato
Costo € 10

 

mostra “BELLOTTO E CANALETTO. Lo stupore e la luce”

visita guidata da Linda Bertella, storica dell’arte e guida turistica

Bellotto, La Piazza San Marco, Venezia

Bellotto e Canaletto, i protagonisti del vedutismo veneziano.

Dopo il successo della mostra dedicata ad Hayez, Le Gallerie d’Italia celebrano altri due grandi protagonisti dell’arte italiana, Antonio Canal conosciuto come il “Canaletto” e il nipote Bernardo Bellotto. Con cento opere tra dipinti, disegni e incisioni  la mostra permette di ricostruire la carriera di coloro che dettero impulso al “vedutismo“, uno dei generi più in voga del Settecento che da Venezia diffusero in tutta Europa. Fu in particolare Canaletto che, formatosi come scenografo presso il padre, abbandonò questa attività per dedicarsi a capricci e vedute, divenendone presto l’interprete di più grande successo. Collezionisti, ambasciatori e giovani aristocratici in tappa a Venezia durante il grand tour si contendevano le “fotografiche” riproduzioni di calli e piazze. I vedutisti, interpreti dell’anima illuminista e razionalista del secolo, per raggiungere tale mirabile risultato si avvalevano infatti della camera ottica, uno strumento che consentiva di catturare l’immagine e riprodurla. Sulle orme dello zio, Bellotto scelse invece di viaggiare in diverse città immortalandone edifici e piazze. Le sue precise e minuziose contribuirono tra l’altro a ricostruire Varsavia, distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

NOTE

 max 8 posti disponibili
Durata 1 ora 30  minuti
Ritrovo ingresso Gallerie d’Italia
Costo

€ 8 + biglietto ridotto over 65 e gruppi (min 15) persone € 8, ridotto under 25 e clienti Banca Intesa € 5 – il biglietto si fa al momento